Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

SEREGNANO-S.AGNESE

SEREGNANO-S.AGNESE

ZONA:
SINISTRA ADIGE
COSTITUITO IL:
1953
CAPOGRUPPO:
Facchinelli Gianpaolo
VICE CAPOGRUPPO:
Paoli Carlo
SEGRETARIO:
Tomasi Alberto
CASSIERE:
Tomasi Lorenzo
CONSIGLIERI:
Bertoldi Alberto
Degasperi Silvano
Dellai Eugenio
Dellai Giuliano
Facchinelli Maurizio
Pontalti Michele
Scarpa Michele
Tononi Bruno

REVISORI:
Demattè Aldo
Lunelli Antonio
Scartezzini Paolo
STORIA:

(da "Alpini una famiglia!")
Costituito il 10 giugno 1953.
Inaugurato il 14 settembre 1969 - Donatrice e madrina del gagliardetto la sig.ra Irma Degasperi Margonari congiunta dei Caduti Bruno Degasperi e Silvio Prebianca, il primo Caduto in Russia, il secondo in Grecia.
Capigruppo dalla fondazione:
sig. Modesto Degasperi 1953-1965
sig. Valerio T omasi 1965-1968
sig. Aldo Scartezzini 1968-197 O
sig. Olivo Paoli 1970-1973
sig. Giorgio Scartezzini 1973-1974
sig. Guido Scartezzini 1974-1977
sig. Gianpaolo Facchinelli 1977-1982
Il Gruppo organizza assemblee di soci, manifestazioni alpine, cerimonie in memoria dei Caduti, feste campestri al Lago di Santa Colomba, a Sant`Agnese, a Torchio, a Seregnano; riunioni ricreative e conviviali. Partecipa ai raduni dell`A.N.A., cura i buoni rapporti con le associazioni affini, aiuta le famiglie dei soci bisognosi e gode la stima della popolazione.
Per ricordare i Caduti ha posto una lapide nel Cimitero di Sant`Agnese ed ha fatto incidere sulla base della Croce dei Caduti nel Cimitero di Seregnano i nomi dei Caduti dell`ultima guerra.
Ha partecipato ai lavori per la ricostruzione del Friuli dopo il terremoto del 1976 inviando un`offerta in denaro e 9 Alpini volontari al Cantiere n. 3 di Buia. Nel 1980-`81 ha collaborato con la Sezione alla costruzione della «Baita don Onorio» prestando 18 giornate di lavoro gratuito.
Nel 1978, per onorare i fondatori del I Gruppo di Civezzano nel 500 anniversario di fondazione, partecipa compatto alla cerimonia commemorativa, a fianco del Gruppo di Civezzano.