Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Dettaglio news

SACRARIO MILITARE DI CASTEL DANTE

SACRARIO MILITARE DI CASTEL DANTE


Consulta il calendario dei turni di sorveglianza al Sacrario Militare di Castel Dante di Rovereto e dai la tua disponibilità

UN PO' DI STORIA
Tra il 1922 ed il 1927, su di un colle che consentiva la visione di un ampio settore di fronte, vennero trasferiti dai cimiteri di guerra delle montagne circostanti, le salme di circa 3.000 soldati caduti.
Costruito nei pressi delle rovine del castello dei Castelbarco, di Lizzana, questo cimitero raggruppava un insieme eterogeneo di monumenti funebri uno diverso dall'altro, alcuni dei quali erano stati realizzati assemblando vari materiali bellici. 
Alla fine degli anni 1920, il Regime fascista, desiderando celebrare la "religione della Patria", decise di sostituire il cimitero con un imponente Sacrario Militare che oggi è il luogo della memoria, il simbolo più grande presente nel Trentino della tragedia della guerra.
L'opera, progettata dall'architetto Fernando Biscaccianti, marchigiano ed ex ufficiale del genio, venne iniziata nel 1933 e ripresa, tra varie difficoltà, fra il 1936 ed il 1938, anno in cui il 4 novembre venne definitivamente inaugurata. Dietro ad essa sono ancora visibili i ruderi di un pozzo e un lacerto delle mura dell’antico castello di Lizzana, costruito nel 1014 e raso al suolo dai Veneziani nel 1439, che la leggenda dice sia stata la dimora di Dante Alighieri nel 1302 -1304, al tempo di Guglielmo di Castelbarco il Grande.
 
L'OPERA
Il Sacrario militare di Rovereto, conosciuto anche con il nome di Castel Dante, è una costruzione cilindrica, dotata di una cupola circolare metallica in stile neoclassico, posta sopra un basamento, formata da due gradoni concentrici a pianta circolare. 
 
Nel suo interno sono ricavati tre gironi con i loculi di 20.287 soldati, noti ed ignoti, appartenuti agli Eserciti italiano (11.462 di cui 5996 ignoti), austroungarico (8674 di cui 3042 sconosciuti) e alla Legione cecoslovacca (151 di cui uno ignoto). Di un buon numero di loro i nomi, scolpiti sulle pareti, sono immediatamente visibili, grazie alla presenza delle ampie vetrate. Tra questi vi è anche il nome dell’unica donna qui tumulata, Suor Valeria suora infermiera deceduta a Riva nel 1919.
 
Tra i loculi del girone esterno del piano terreno è posta la lapide che ricorda le Medaglie d'Oro della Legione trentina. Davanti ad essa arde una lampada perenne, collocata su un tripode in bronzo.
 Ai lati, due lapidi ricordano i roveretani caduti nella guerra 1915-18.  Due scale interne collegano il piano superiore a quelli inferiori. Al piano superiore si trovano l'altare in marmo, la Via Crucis in bronzo realizzata dallo scultore Castiglioni e le arche dei roveretani Damiano Chiesa, fucilato a Trento dagli austriaci il 19-5-1916, e Fabio Filzi, invece impiccato con Cesare Battisti il 12-7-1916 nel Castello del Buonconsiglio. Ai piedi di queste sono posti i monumenti donati dalle Associazioni degli Artiglieri e degli Alpini.  Al piano terreno, vi è il busto del Maresciallo d'Italia Guglielmo Pecori
Giraldi che comandò la 1a Armata dal 9 maggio 1916 sino alla conclusione della guerra quando divenne Governatore civile e militare della Venezia tridentina a Trento. Nella cripta di questo piano, non accessibile al pubblico, riposano le spoglie di tutti i soldati italiani ignoti insieme a 7498 (di cui 3042 ignoti) soldati austro-ungarici traslati nel 1969-1970 provenienti dai cimiteri dismessi di Pergine (5185 di cui 1833 ignoti), di Passo Resia, Terragnolo e del Friuli. Bisogna infine ricordare che a parte è collocata anche la lapide di sepoltura di 6 Caduti della 2°guerra mondiale qui traslati.
 
TURNI
 
DATA Gruppo
17/07/2016 Gadolo
24/07/2016

Imer

31/07/2016 Coredo
05/08/2016 Palù di Giovo
07/08/2016 Tiarno di Sopra
14/08/2016 Molveno
21/08/2016 Folgaria
28/08/2016 Vallarsa

 

MODULO DI ISCRIZIONE PER SERVIZIO VOLONTARIO