Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

S. LORENZO IN BANALE

S. LORENZO IN BANALE

ZONA:
TERME DI COMANO
COSTITUITO IL:
1956
CAPOGRUPPO:
Brunelli Matteo
VICE CAPOGRUPPO:
Baldessari Albino
SEGRETARIO:
Cornella Cesare
CASSIERE:
Cornella Cesare
CONSIGLIERI:
Bosetti Alessio
Bosetti Dario
Bosetti Franco
Bosetti Ivan
Bosetti Roberto
Flori Ivan
Rigotti Danilo
Tomasi Fabio


STORIA:

(da "Alpini una famiglia!")

Costituito nel 1956.
Inaugurato il 16 settembre 1956 nella Pineta di Castel Mani - Madrina la sig.ra Eugenia Aldrighetti in Calvetti, sorella dell`Alpino Ezio, Caduto sul Fronte Greco-Albanese.
Capigruppo dalla fondazione:
cav. Luciano Piazza 1956-1977
sig. Antonio Calvetti 1977-1982
sig. Luigi Orlandi 1982
Oltre alla normale attività, il Gruppo organizza ogni anno una cena sociale con ballo e una festa campestre. Per alcuni anni il luogo della Festa Campestre fu la località Ponte della Brocca in Val d`Ambiez, ove gli Alpini di San Lorenzo nel 1964 avevano posto in una nicchia della parete rocciosa la statuetta in rame battuto della «Madonna degli Alpini» davanti ad essa per vari anni don Giuseppe Leita celebrò la Messa. Ora la festa viene tenuta in località Pozze di Nembia, sulla strada per Molveno, con Messa per i Caduti celebrata da qualche anno da don Mario Ferrari, parroco di Dorsino.
Nel 1957, sotto la guida del capogruppo Luciano Piazza ed in collaborazione con i Vigili del Fuoco Volontari, ha eretto la grande Croce marmorea sul colle presso il campo sportivo, inaugurata solennemente il 10 settembre.
Nel 1976 ha partecipato all`«Operazione Friuli» inviando a Buia 12 Alpini lavoratori; nel 1980 ha costruito in località Pozze di Nembia la «Baita degli Alpini», inaugurata il 29 giugno 1980; nel 1981 ha contribuito con otto giornate di lavoro alla realizzazione della «Baita don Onorio» e ancora nel 1981 ha costruito una baita di forme ridotte, per la scuola materna, inaugurata il 26 dicembre 1981 ed ha inviato un importo per la sottoscrizione indetta dalla Sezione a favore dei terremotati del Sud.