Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Chiesetta di S.Zita

Il ritrovarsi insieme sui luoghi delle battaglie, alpini e Kaiserschützen, vincitori e vinti, ha fatto germogliare una comune volontà di ricostruire a passo Vezzena la chiesetta di Santa Zita / St. ZitaKapelle, in suffragio delle vittime e simbolo di pace e fratellanza.

Gli alpini trentini i cui padri e nonni compirono il loro dovere sul fronte avverso, hanno voluto ricordare a passo Vezzena, vincitori e vinti affratellati da un anelito di pace e di concordia.
A 90 anni dalla sua costruzione, la chiesetta di S. Zita è stata ricostruita dagli alpini della Sezione di Trento e delle Sezioni limitrofe.

La chiesetta in Vezzena, era stata costruita dagli austriaci in tre mesi nel 1917, inaugurata il 15 agosto 1917, a ricordo delle vittime degli scontri bellici tra l'esercito austrungarico ed italiano con più di mille morti nella sanguinosissima battaglia di Col Basson tra il 24 e il 25 agosto 1915. A fianco fu predisposto un cimitero militare con oltre 200 caduti italiani e oltre 500 austriaci, fu demolita sul finire degli anni 40.
Ora ha ritrovato la sua originale forma come testimonianza di intesa tra popoli, tra passato e presente, tra guerra e pace, tra divisione e riconciliazione.

Il progetto è stato redatto dall'ing. Pierluigi Coradello, riprendendo l'originale del progettista ing. Adalbert Erlebach, tenente boemo, scovato negli archivi austriaci, l'Amministrazione comunale di Levico ha donato il terreno a passo Vezzena, mentre la parrocchia di Luserna è titolare della chiesetta.
I lavori di ricostruzione, iniziati nel maggio 2007, sono terminati nella primavera del 2008 con il completamento degli interni.
Nell'agosto del 2008 si è tenuta l'inaugurazione alla quale hanno partecipato innumerevoli alpini provenienti da tutto il triveneto. Non sono mancate le rappresentanza austriache.
 
FAI UNA DONAZIONE
Offerte e contributi per il mantenimento della chiesetta possono essere versati presso:
Cassa Rurale di Trento conto intestato alla Sezione ANA di Trento
ABI 08304 CAB 01807 CONTO 000007327114 IBAN IT03 E083 0401 8070 0000 7327 114
con causale "Chiesetta S. Zita"

Come arrivare in Vezzena alla chiesetta di S. Zita

DA CALCERANICA
L’altopiano di Vezzena è comodamente raggiungibile da Calceranica, passando per Bosentino e Vattaro, lungo la strada provinciale della Fricca che porta agli altopiani di Folgaria, Lavarone e Luserna.
Superato Lavarone si prosegue verso la località Monterovere e quindi si raggiunge il Passo Vezzena (38 km. da Calceranica).

DA CALDONAZZO
L’altopiano è anche raggiungibile, in circa 15 km., partendo da Caldonazzo in località Lochere lungo la strada provinciale di Monterovere, chiamata anche “Menador”, “Pegolara” o “Kaiserjägerweg”.
Si tratta di un tracciato militare della prima guerra mondiale.
La strada, che sale a tornanti ed offre un’incomparabile vista sulla Valsugana e sui laghi di Caldonazzo e Levico, è in alcuni punti stretta e in forte pendenza, costruita a picco sulla roccia, si sconsiglia pertanto il transito a chi soffre di vertigini.

DA SP47 DELLA VALSUGANA
Direzione Feltre-Primolano-Gallio-Asiago.

Anno 1917, esecuzione dei lavori di costruzione della chiesetta di S.ta Zita in Vezzena ed inaugurazione.

 

Progetto esecutivo dell'ing. Coradello Pierluigi

 

6 Luglio 2008: Consegna della campana da parte della sig.ra Spielmann, particolari della Chiesa e Monumento ai Caduti
 
Fai parte di un gruppo? Invia le foto dei tuoi Alpini!
Invia foto