Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

CEMBRA

CEMBRA

COMUNE:
CEMBRA
ZONA:
DESTRA AVISIO
COSTITUITO IL:
1933
INDIRIZZO:
Via S. Carlo, 10 - 38034 CEMBRA (TN)
CAPOGRUPPO:
Largher Samuel
VICE CAPOGRUPPO:
Zanotelli Elio
SEGRETARIO:
Dessimoni Carlo
CASSIERE:
Gasperat Christian
CONSIGLIERI:
Fattori Mario
Fidenzi Bruno
Gottardi Antonio
Gottardi Roberto
Nicolodi Manuel
Piffer Italo
Zanotelli Giuseppe
STORIA:

(da “Alpini una famiglia!”)

Costituito nel 1933.
Ricostituito nel 1953.
Inaugurato l' 8 marzo 1953 - Padrini del gagliardetto i signori Amabile Giovanella e Angelo Paolazzi, genitori di Caduti alpini.
Capigruppo dalla fondazione:
sign. ......... 1933-1940
sig. Guido Nardon 1953-1959
sig. Fulvio Nicolodi 1959-1961
sig. Augusto de Giovanelli 1961-1962
sig. Fulvio Nicolodi 1962-1964
sig. Guido Nardon 1964-1968
sig. Giuseppe Toniolli 1968-1969
sig. Augusto de Giovanelli 1969-197 O
cav. Guido Nardon 1970-1971
rag. Carlo Dessimoni 1971-1982
Il Gruppo ha la propria sede sociale nel Rifugio al Lago Santo di Cembra.
Organizza annualmente manifestazioni e raduni alpini, cerimonie in suffragio dei Caduti (importante quella dell`8 dicembre nella chiesetta al Lago Santo), feste campestri.
Nel 1955 ha costruito a Cembra il Monumento ai Caduti; nel 1956, con prestazioni gratuite dei soci, la Chiesetta della Madonna degli Alpini al Lago Santo e negli anni successivi il Rifugio Alpino al Lago Santo.
Nel 1976 ha preso parte all` «Operazione Friuli» inviando un` offerta in denaro e 19 Alpini volontari al cantiere di Buia.
Nel 1979-1980 ha costituito due squadre di «curling» che partecipano a gare nazionali ed internazionali.
Nel 1980-`81 ha collaborato con la Sezione alla realizzazione della «Baita don Onorio», prestando 8 giornate di lavoro e offrendo «grappa» per i lavoratori volontari (dott. Giovanni Martini, Farmacista).