Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

CARISOLO

CARISOLO

COMUNE:
CARISOLO
ZONA:
GIUDICARIE E RENDENA
COSTITUITO IL:
1956
CAPOGRUPPO:
Bertarelli Italo
VICE CAPOGRUPPO:
Pedrazzoli Natale
SEGRETARIO:
Righi Graziano
CASSIERE:
Povinelli Bruno
CONSIGLIERI:
Beltrami Giancarlo
Beltrami Rino
Maestri Giulio
Maffei Giancarlo
Nella Rino
Povinelli Bruno
STORIA:

(da “Alpini una famiglia!”)

Costituito nel 1956.
Ricostituito nel 1968 (tesseramento 1969).
Inaugurato il 2 febbraio 1969 - Madrina del gagliardetto la sig.ra Brigida Maestri, moglie di un Alpino (ora entrambi scomparsi).
Capigruppo dalla fondazione:
sig. Augusto Beltrami 1956-1957
sig. Natale Majer 1957-1958
sig. Rinaldo Tisi 1958-1959
sig. Adalgiso Nella 1959-1963
sig. Remigio Righi 1968-1982
Oltre alla normale attività, il Gruppo organizza annualmente un pellegrinaggio a Cima Lancia (m 2400 s.m.) e, in collaborazione con la Sezione e i Gruppi delle Giudicarie e Rendena, uno sul Monte
Adamello (m 3554 s.m.).
Negli anni 1971-`72, superando indescrivibili difficoltà, recupera un cannone della Prima Guerra Mondiale abbandonato sull`Adamello e il 5 ottobre del 1972, nel I centenario delle Truppe Alpine, lo colloca ai piedi del Monumento ai Caduti di Carisolo.
Nel 1974 attua la riparazione e ristrutturazione delle Malghe di Carisolo e il ripristino della croce in legno della Cima Lancia.
Nel 1976 partecipa ai lavori di ricostruzione in Friuli inviando Alpini volontari nel cantiere di Buia e nel 1977 partecipa con altri volontari del paese alla posa in opera della "Baita Carisola", casetta donata da Carisolo alla popolazione di Ragogna in Friuli.
Nel 1977 inaugura la baita ai «Laghi di Cornisello» e nel 197 8 inaugura la Malga e la Cascina Sarodolo, ricostruite dagli Alpini di Carisolo.
Nel 1979 attua il gemellaggio con il Gruppo di Odolo.
Nel 1980-`81 prende parte ai lavori di costruzione della "Baita don
Onorio" prestando 4 giornate di lavoro.
Nel 1982, con due giorni di lavoro scomodo e pericoloso, ripulisce e ritinge la scritta «PER GLI ALPINI NON ESISTE L`IMPOSSIBILE», scolpita sulla parete del Dos Trento.