Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

CALDONAZZO

CALDONAZZO

COMUNE:
CALDONAZZO
ZONA:
ALTA VALSUGANA
COSTITUITO IL:
1955
CAPOGRUPPO:
Marchesoni Aldo
VICE CAPOGRUPPO:
Campregher Andrea
SEGRETARIO:
Pola Diego
CASSIERE:
Gretter Edoardo
CONSIGLIERI:
Begher Lucio,
Brida Remo,
Carotta Stefano,
Ciola Maurizio,
Lamber Franco,
Marchesoni Lorenzo,
Polla Valerio,
Stenghel Aldo.

Aggregati:
Dalcastagnè Alessio
Menegoni Giacomo
STORIA:

(da "Alpini una famiglia!")

Costituito il 28 febbraio 1955.
Inaugurato 12 marzo 1956 - Madrina del gagliardetto la signora Rosalia Gasperi, sorella dell`Artigliere Alpino Emanuele Murara, cl. 1913, disperso in Russia.
Capogruppo Onorario, dal 7 marzo 1975, il Legionario Trentino col. degli Alpini Giulio Marchesoni, med. di Bronzo al V.M. (scomparso nel 1982).
Capigruppo dalla fondazione:
sig. Damiano Graziadei 1955-1962
sig. Carlo Murara 1962-1963
sig. Damiano Graziadei 1963-1973
sig. Claudio Battisti 1973-1982
Il Gruppo svolge la normale attività attraverso assemblee, manifestazioni alpine, cerimonie in memoria dei Caduti, riunioni conviviali e ricreative. Partecipa ai raduni dell`A.N.A e ne appoggia le iniziative. Organizza annualmente una festa campestre, per il passato nella zona panoramica del Dos Tondo, ora in località Rio.
Nel campo dello sport organizza dal 1966 il "Trofeo ten. Mario Menegoni" gara di marcia in montagna in memoria dell` Alpino Mario Menegoni caduto in Albania.
Nel 1959 ha costruito il Monumento ai Caduti, inaugurato l`11 ottobre 1959 e nel 1968 ha provveduto alla ricostruzione dell`Eremo di San Valentino (sec. 1200-1300) sul colle di Tenna.
Nel 1976 ha dato la propria collaborazione all` "Operazione Friuli" e nel 1980-`81 ha inviato un` offerta per i terremotati del Sud ed ha collaborato con la Sezione alla realizzazione della "Baita don Onorio" inviando una cospicua offerta e prestando 9 giornate di lavoro gratuito.